Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


martedì 27 aprile 2010

Francia. Bando di gara per l'acquisto di 50.000 veicoli elettrici

Nell'ambito del Piano nazionale per lo sviluppo di veicoli elettrici e PHEVs, l' UGAP (l’Union des groupements d’achats publics) segna l'inizio della procedura per l'acquisto cumulativo di 50.000 veicoli elettrici.

Jean-Louis Borloo, ministro di Stato, Ministro dell'ecologia, dell'energia, dello sviluppo sostenibile e del Mare, responsabile della tecnologia verde e negoziati sul clima e Christian Estrosi, ministro dell'Industria hanno presentato lo scorso 13 aprile il piano per lo sviluppo dei veicoli elettrici e ibridi.
Per garantire che i costruttori possano disporre di una domanda potenzialmente sufficiente per loro per iniziare a produrre i veicoli elettrici, in modo sicuro e su scala industriale, i ministri hanno annunciato il primo importante ordine con un volume stimato in 50.000 veicoli elettrici.

Con la partecipazione fra l'inizio e il gruppo di lavoro istituito nel febbraio 2009, su iniziativa di Jean-Paul Bailly - Presidente e CEO di La Poste, la UGAP, l'ufficio pubblico di acquisto, già molto presente nel settore dei veicoli , ha espresso la sua disponibilità a partecipare a questo progetto di importanza nazionale.

UGAP: coordinatore del gruppo

Il raggruppamento di ordini annunciati il 13 aprile scorso, la raccolta di una ventina di attori pubblici e privati e guidato dal Post Office ADP, Air France, Areva, Bouygues, FES, FESR, Eiffage, Orange France Telecom, GDF Suez, Gaz tonnellate di stazza lorda, GrDF, RATP, Saur, SNCF, SPIE, Suez Environment, Vinci e Veolia. E 'stato nominato coordinatore UGAP con l'incaricato di organizzare l'intera operazione.

Questa scelta è confermata dalla doppia giurisdizione di approvvigionamento UGAP di veicoli (quasi 22.000 nel 2009) e la gestione della flotta, in particolare a nome dello Stato, ed è specializzato in materia di appalti pubblici .

Quando l'offerta sarà stata fatta, tutte le autorità pubbliche ma anche aziende private che forniscono una missione di servizio pubblico potranno rivolgersi direttamente al UGAP per l'acquisto di veicoli elettrici selezionati.

Sono stati identificati tre i tipi di veicoli per soddisfare le esigenze:

uno dei veicoli commerciali leggeri (tipo van) con una capacità di carico di circa 3 m3
una compatta a due posti con una capacità di carico di circa 1 m3
veicoli specifici di quattro o cinque posti

Tra le specifiche richieste: Gli autoveicoli saranno in grado di raggiungere 110 km / h carico utile massimo, hanno una distanza di almeno 150 km, una connessione alla rete e garantire una manutenzione elettrica standard per l'intera area metropolitana. La possibilità è un recupero di 50 km (31 miglia) di serie dopo una carica di 15 minuti.


La scelta della procedura a "dialogo competitivo ", cioè uno scambio con ciascun candidato su tutti gli aspetti del progetto.

Al termine di questa fase di discussione, sulla base delle proposte presentate, i candidati dovranno presentare la loro offerta finale. Un esemplare di ogni veicolo sarà chiesto ai candidati e le prove saranno eseguite.
Dopo la procedura sarà firmato da ciascuno dei membri del gruppo di comandi, compresa la UGAP.

Il volume degli ordini

Il volume potenziale di ordini del gruppo è stimato a 50.000 veicoli. La procedura indica un impegno minimo di quasi 23.000 veicoli in tre tranche e un'operazione complessiva stimata di un miliardo di euro per la durata dei contratti o 4 anni.

Calendario

La fine della procedura dovrebbe essere completato entro la metà del 2011 in modo da lasciare il tempo di valutare i campioni che saranno stabiliti. Le prime consegne sono previste per la seconda metà del 2011.
.

5 commenti:

Silvano Robur ha detto...

Ricorda molto i Gruppi di Acquisto Solidale che abbiamo anche noi.
Spaventa la dinamicità della vicna Francia. Quando partiremo anche noi ?

Massimo De Carlo ha detto...

partiremo dopo il nucleare di III e IV generazione, cioè ...... mai con questa classe dirigente.

Silvano Robur ha detto...

Ma vedi, non sarei proprio tanto contrario al nucleare. Se si facesse una (1) centrale nucleare da usare come modello avanzato al torio io ci starei pure. A parte Rubbia mi sembra che le idee siano un pochino confuse. Le scorie dove le mettiamo ? Sotto la centrale come in Finlandia ? E le scorie vecchie ? Un cucchiaio a testa ?

Anonimo ha detto...

Questa notizia è meravigliosa, potrebbe esser finalmente la molla che fa decidere quei cagasotto dei costruttori....peccato che non capiti in italia.
Bisognerebbe diffondere la notizia in qualche programma tv di alto ascolto.
Il ns governo invece pensa al nucleare!
Come siamo lontani!!!

Stefano ha detto...

L'ennesimo esempio dell'agonizzante sinergia industria/stato italiana.
Pensate al fotovoltaico: siamo il terzo mercato mondiale come installazione, ma non c'è nessun piano industriale a supportare e valorizzare l'esborso degli incentivi.
Questo è indice evidente che il nostro mercato non è libero, ma legato e affossato nel marciume della corruzione, degli interessi spiccioli, del malaffare, dello scambio di voti...