Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 17 settembre 2010

Auto elettriche. Un sito web per i possessori di VE in Inghilterra

Stiamo assistendo negli ultimi tempi non solo allo sviluppo di prodotti elettrici stradali o accessori per la realizzazione degli stessi, quali motori, batterie, impianti per la produzione di tutti i componenti base ma anche sviluppo e realizzazione di sistemi integrati per la ricarica e la pianificazione dei percorsi in base all'esistenza dei punti di ricarica. Si producono auto elettriche, colonnine di ricarica e sistemi informativi basati sul web. A proposito di ciò, leggiamo su The Engineer che è stato lanciato nel nord-est dell'Inghilterra il primo sistema di assistenza clienti per i conducenti di veicoli elettrici
L' agenzia di sviluppo regionale del Nord Est ha nominato Elektromotive per creare il 'Charge Your Car’ , con il nuovo nome di Plugged-In Places project per la regione nord-est, che aiuterà i conducenti a trovare e utilizzare i punti di carica, di assistenza, di accesso e raccogliere informazioni sulla storia riguardante l'uso e la ricarica del loro veicolo.
I conducenti di veicoli elettrici possono iscriversi al sito ( www.chargeyourcar.org.uk) per ricevere un pacchetto di benvenuto che includerà i loro tag elettronici personali per l'apertura e utilizzo di punti di carica in tutta la regione e dare loro l'accesso al parcheggio gratuito durante la ricarica.
Il sito fornirà anche informazioni sulle postazioni dei punti di ricarica, la pianificazione del viaggio e link per l'utilizzo di veicoli elettrici in prova in considerazione del fatto che si dovranno installare 1.300 punti di ricarica nei prossimi tre anni.

Ricordiamo inoltre che il Governo britannico ha annunciato di dare supporto allo sviluppo delle auto elettriche con la concessione di 20 milioni di sterline (poco meno di 24 milioni di euro) alla Nissan. Il colosso giapponese dal canto farà fruttare il capitale a disposizione per la produzioni di particolari utili alla fabbricazione di veicoli elettrici negli stabilimenti di Sunderland (Sunderland è una città e un porto dell'Inghilterra nord-orientale).

.

5 commenti:

Silvano Robur ha detto...

Scusate.

Leggo che il Marchionne avrebbe pensato che una nicchietta di mercato sarebbe giusto riservarlo alle auto elettriche.

Mi viene in mente la storia dell'invasione di Gengis Khan.

Quando i mongoli bussarono alle porte dell'Europa.

Dicevano :

<< Cosa volete che siano, sono solo due mongoli ! >>

Erano due milioni.

Ci spazzarono via tutte le difese.

E fu il crollo.

La storia si ripeterà : con le auto elettriche cinesi.

Silvano Robur ha detto...

Scusate.

Leggo che il Marchionne avrebbe pensato che una nicchietta di mercato sarebbe giusto riservarlo alle auto elettriche.

Mi viene in mente la storia dell'invasione di Gengis Khan.

Quando i mongoli bussarono alle porte dell'Europa.

Dicevano :

<< Cosa volete che siano, sono solo due mongoli ! >>

Erano due milioni.

Ci spazzarono via tutte le difese.

E fu il crollo.

La storia si ripeterà : con le auto elettriche cinesi.

Silvano Robur ha detto...

Scusate.

Leggo che il Marchionne avrebbe pensato che una nicchietta di mercato sarebbe giusto riservarlo alle auto elettriche.

Mi viene in mente la storia dell'invasione di Gengis Khan.

Quando i mongoli bussarono alle porte dell'Europa.

Dicevano :

<< Cosa volete che siano, sono solo due mongoli ! >>

Erano due milioni.

Ci spazzarono via tutte le difese.

E fu il crollo.

La storia si ripeterà : con le auto elettriche cinesi.

Massimo De Carlo ha detto...

con tutto il rispetto, Marchionne lo aspetto il 6 gennaio dell'anno prossimo con i doni dei dividendi

Silvano Robur ha detto...

Vedrai che mirra !