Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 8 ottobre 2010

2050, la Danimarca si smarcherà totalmente dalla dipendenza del petrolio

Una notizia dell'inizio della settimana lanciata dalle principali agenzie giornalistiche e diffusa dai quotidiani nazionali segnala la scelta da parte della governo Danese, per voce del primo ministro Rasmussen, di ottenere la piena indipendenza dai combustibili fossili entro il 2050. Il governo presenterà un percorso per una transizione che toccherà ogni settore della società con scelte anche molto difficili da perseguire.
Attualmente la Danimarca produce 3.000 MW di energia mediante le centrali eoliche, la maggior parte delle quali sono offshore, una quantità che dovrebbe aumentare a 18.000 nel 2050. Le tasse sull'energia prodotta da combustibili fossili dovrebbe salire da 5 corone danesi (0,67 euro) per GJ (gigajoule) a 50 entro il 2030. Nel piano rientrano anche le auto elettriche, i punti di ricarica, con l'installazione in tutte le case di contatori 'intelligenti' e la migliore distribuzione dell'energia.
Secondo il rapporto della Commissione sul Clima , sarà 'sorprendentemente limitato' l'impatto del costo della conversione dell’attuale modello produttivo basato sui combustibili fossili ad uno scenario di sostenibilità energetica per la convergenza tra la discesa dei costi per l’installazione di impianti da fonti rinnovabili e la crescita dei prezzi dei combustibili fossili.
Un altro punto contemplato nel piano danese riguarda il ruolo giocato dal riscaldamento domestico considerando la posizione geografica del Paese climaticamente non favorito, con una attenzione particolare rivolta all'energia ricavata dalle biomasse e il contributo che altre fonti rinnovabili, come il solare, il geotermico e le pompe di calore e le reti di teleriscaldamento.

Fonti: Ansa, Reuter, Corriere della Sera
.

3 commenti:

enzo ha detto...

Magari ci fosse una politica che pensi al nostro futuro al posto di trovare il modo di farsi rieleggere ogni volta.
Quello che è da sottolineare a caratteri cubitali è il fatto che questo passaggio sarà sorprendentemente limitato.
L'Italia, inoltre, sarebbe decisamente favorita per la posizione geografica e il clima più temperato.

Hainz
http://groups.google.it/group/hainz?hl=it

Luca-da-Noto(SR) ha detto...

I nostri politici sia di destra e sinistra, purtroppo cercano ancora di trovare tante scuse varie come: l'energie rinnovabili si arriverà solo al 2 per cento, o le auto elettriche non saranno mai competitive, ecc...
Ed non capiscono che prima o poi anche loro saranno costretti ad usare queste energie rinnovabili per le loro case o ville lussuose ed viaggieranno su auto elettriche magari di potenza maggiore visto che difficilmente rinunceranno ad avere delle belle auto potenti ed accessoriate come quelle che hanno al giorno d'oggi.

enzo ha detto...

E poi non è una questione solo delle auto, perché ci sono moltissime altre categorie che emettono ben più emissioni veramente nocive come:
- motorini e moto a 2 tempi (anche catalizzate), io ho un motorino nel 1999 che è catalizzato, ma vi assicuro che fa un fumo azzurro soprattutto in avviamento (non meno di quelli non catalizzati);
- camion e soprattutto camioncini, con la scusa che loro lavorano possono inquinare;
- macchinette per la guida senza patente diesel, quando già costano tantissimo, perché non farle elettriche permettendo sia di inquinare di meno che di abituare i giovani e non oltre a migliorare il know-how sull'elettrico e fare un pò di volumi che permettono di diminuirne i costi (tra l'altro sono perfette per l'uso dell'elettrico visto che possono essere praticamente usate solo in città!).
E' poi possibile che chi abita in città deve avere auto Euro 3 ed Euro 4, mentre chi è fuori può tranquillamente circolare con auto non catalitiche?

Hainz
http://groups.google.it/group/hainz?hl=it