Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


mercoledì 25 febbraio 2009

Nucleare. La Francia ha trovato i polli da spennare?

L'accordo conviene solo alla Francia.
La decantate centrali nucleari di terza generazione continuano a destare forti perplessità di progettazione, sicurezza, costi.
Due centrali DUE sono in costruzione: una in Francia (Normandia) , una in Finlandia. La seconda in costruzione in Finlandia ha sforato ampiamente il budget preventivato e i tempi di realizzazione. Iniziata nel 2005 forse sarà pronta nel 2011. Si comprende che nessuna certezza vi è sulla effettiva possibilità di produrre energia, economicamente sostenibile, garanzie di sicurezza, durata almeno trentennale. Nessun vantaggio si ha dal fatto che comunque saremo dipendenti dall'estero per l'approvvigionamento dell'uranio come adesso lo siamo per il petrolio e gas. Inoltre sappiamo dall'agenzia internazionale dell'energia nucleare NEA (Nuclear Energy Agency) che abbiamo uranio per una sessantina di anni se consumato nella quantità attuale, aumentando il numero delle centrali, aumentano i consumi, si abbrevia la vita utile delle centrali le quali resteranno senza 'carburante' ancor prima di raggiungere la maturità produttiva e/o ritorno economico dall'investimento.

Qui riportiamo un articolo dell'Herald Tribune


Construction halted at flagship French nuclear reactor over problems in concrete base
Published: May 28, 2008
PARIS: Construction problems at a new-generation nuclear reactor in France have prompted a partial suspension of work at the site, at the request of France's nuclear safety agency, the agency said Wednesday.

Concrete-pouring at the site of the Flamanville-3 reactor on the Normandy coast was halted May 21, said Thomas Houdre, head of the nuclear safety agency's division in the French region of Caen.

"It's not a problem of safety or quality," Houdre said. "What has been built so far is fine. We're looking out for the future."

It was the second halt in construction since the work on the reactor began last year. Construction was temporarily stopped in March after cracks were found in the concrete base of the reactor, in addition to damage to the steel frame that supports the base, Houdre said.

This time, "anomalies" were again found with the steel frame, he said.

Flamanville-3 is under particular scrutiny because it is to be one of the first European Pressurized Reactors, meant to eventually replace the aging stable of reactors around the world whose designs date from decades ago. It is one of only two EPR reactors in the world under construction.

Houdre said French electricity giant EDF — which is overseeing the project, contracted to Bouygues — has suffered from poor quality control because of organizational problems on site.

Houdre said a certain number of cracks were normal in any such construction, but that due to the sensitive nature of what is being built, extra caution was necessary.

The first EPR, Olkiluoto 3 in Finland, which began construction in 2005 and is slated for completion by 2011, has been plagued with similar problems causing it to go over-budget and over-schedule.
Greenpeace issued a statement praising the safety agency for halting construction and advocating a definitive stop to the project.

The French nuclear safety agency has submitted demands for improvement to EDF that must be addressed before the concrete pouring resumes.

EDF officials said they would submit a plan of action within days. EDF says it cannot yet estimate for how long construction will be halted, but that the project is not yet behind schedule.


Per quanto può valere un sondaggio su un giornale online.
www.corriere.it/appsSondaggi/

Siete favorevoli al ritorno del nucleare in Italia?
No 50.9%
Sì 49.1%

.

2 commenti:

Silvano Robur ha detto...

Io sono favorevole al nucleare.
Quello serio.
Non all'italiana.
Pasticcione, senza una seria politica per il trattamento delle scorie, e finanziato dalle tasche degli italiani.
Se io voglio andare in vacanza, le spese le pago io.
Se vogliono il nuke, bene, tirino loro fuori i soldi.

P.S. : Ciao Massimo. Ho cercato di contattarti. Sei ammalato ?

MondoElettrico ha detto...

Anche io sono favorevole al nucleare ... quello di 4a generazione, però.