Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


martedì 10 febbraio 2009

Auto ad idrogeno, 5.000 euro per l'auto che non c'è

In un commento al nostro post di sabato scorso intitolato Bonus bovus l'Anonimo chiedeva:











Perchè l' auto a idrogeno non possono circolare in Italia? La BMW regalò a Veltroni (quando era ancora sindaco di Roma) delle auto a idrogeno, e con quelle ci andava in giro... o non è vero? La notizia la sentii al telegiornale.

Nel sito specializzato autoidrogeno.org ho controllato, ho letto, quindi copio e incollo



Omologazione più vicina per le auto a idrogeno

La Commissione europea ha stanziato 470 milioni di euro per accelerare lo sviluppo e la commercializzazione delle auto a idrogeno. Al finanziamento comunitario si aggiunge un finanziamento di pari importo dal settore industriale privato, complessivamente un miliardo di euro per accelerare la via dell'idrogeno in Europa. Il fondo servirà a finanziare le iniziative tecnologiche sulla realizzazione delle celle a combustibile a idrogeno e un programma di ricerca a attuazione della tecnologia. La ricerca sarà condotta da partner pubblici e privati, appartenenti al mondo industriale ed accademico europeo, e avrà una durata di sei anni. L'obiettivo è chiaro: lanciare in commercio le automobili a idrogeno nel decennio 2010-2020. In altri termini, fra tre anni.
L'omologazione delle auto a idrogeno

Sulla base dell'indagine preliminare condotta dalla Commissione europea, già oggi diversi veicoli a idrogeno sarebbero pronti a entrare sul mercato. Manca tuttavia una procedura comune, standard e semplificata da seguire per l'omologazione dei veicoli a idrogeno. Attualmente i veicoli a idrogeno non rientrano nel regime comunitario di omologazione dei veicoli. La definizione degli standard europei permetterà di ridurre il margine di rischio sulla ricerca da parte delle case costruttrici delle automobili che, in tal modo, potranno valutare quali prototipi avranno un reale sbocco commerciale sui mercati.

Le proposte saranno sottoposte al vaglio del Parlamento europeo e del Consiglio dei ministri. L’introduzione dei veicoli ad idrogeno può rendere l’aria piu’ pulita e ridurre la dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili importati dall'estero.


Da questo si arguisce che nessun veicolo ad idrogeno può circolare sulle strade italiane, quindi nessun incentivo sarà dato per una vettura alimentata ad H2.
.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

la destra che non sa quello che fa la sinistra (non in senso politico, ovviamente).
Anzi, visto come lavorano certe nostre rappresentanze direi 'la chiappa destra non sa quello che fa la chiappa sinistra'.
Mimmo.

Anonimo ha detto...

è essenziale avere automobili a idrogeno... dovremmo lasciar perdere l'egoismo e dedicarci alle cose essenziali..:D Speriamo che entreranno presto! W l'idrogeno xD

maurizio ha detto...

E' risaputo il ritardo sull'utilizzo di un combustibile in grado di abbattere le emissioni di CO2 e CO; del resto è altrettanto risaputo quali interessi rappresenti il petrolio, che è in grado di influenzare l'economia mondiale, che è in grado di scatenare guerre; è chiaro che nessuno ha interesse a sovvertire lo stato delle cose, anche se l'allarme ambiente stacreando problemi trasversali ed inoppugnabili; vedremo quali saranno i tempi...

piepalmi ha detto...

Mi scuso se entro in merito, ma l'idrogeno non è un combustibile, è una vettore energetico.... in parole povere, l'idrogeno non lo trovi in natura solo, ma legato o agli idrocarburi o all'acqua. Per tirarlo fuori dagli idrocarburi si libera anidride carbonica (gas serra) se tutto va bene. Poi dato che è un gas facilmente infiammabile lo devi stoccare ad altissime pressioni (quindi anche l' altro forte consumo di energia elettrica per comprimerlo) nonchè tenerlo stoccato ad alte pressioni. Un auto a idrogeno, che possiede celle a combustibile, ha al suo interno metalli nobili quali platino, che si trovano in zone del mondo, su cui non ci sono scenari di pace e tranquillità.

Qualcuno dirà: facciamo l'idrogeno dall'acqua per elettrolisi. D'accordo, la cosa funzionerebbe se le rese di fotovoltaico ed eolico fossero ben più alte delle attuali. E nel caso avessi un surplus da fonti rinnovabili (quel giorno arriverà) perchè non usare autoelettriche o ibride evitando un gas che funge da vetore di energia con tutti questi problemi?

Il governo che più ha investito in idrogeno nella storia è quello di Bush j., quello che ha investito 0 (zero) Obama, con ministro dello sviluppo economico un premio nobel per la fisica. A buon intenditor poche parole, purtroppo sono stato lungo