Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


martedì 2 settembre 2008

Comunione e negazione

Che qualche dio (o Dio) ci salvi da questi scienziati negazionisti!



A Rimini scienziati fuori dal coro
Uomo, sei troppo piccolo per distruggere il mondo
Il Meeting contro il catastrofismo ambientale

L' UOMO non è Dio. Ci si può mettere tutto l'impegno che si vuole, ma il pianeta non l'abbiamo fatto noi. E neanche lo possiamo distruggere. Il Meeting di Comunione e Liberazione smonta, con numeri, mostre, testimonianze, libri e dibattiti, il catastrofismo ambientale che va tanto di moda in questi anni: l'effetto serra che uccide la Terra; il caldo che avanza e che ci soffocherà; i ghiacciai che si sciolgono; l'inquinamento; le polveri sottili; i camini che fumano porcherie. Tutto ciò insomma che ha fatto dire allo scienziato americano Gregory D. Poster: «I disastri ambientali provocati dai cambiamenti climatici minacciano il futuro dell'umanità in misura enormemente più grave rispetto al terrorismo. Dal 1968 i gruppi eversivi hanno ucciso 24mila persone, ogni anno invece ne muoiono 240mila per i danni del clima».
BALLE. O meglio: «C'è un mistero ultimo che determina le cose — dice Alessandra Vitez, responsabile delle mostre del Meeting: una si intitola 'Atmosphera. Realtà e miti dei cambiamenti climatici' — l'uomo non è tutto». «La scienza, al momento, non è in grado di dare vere risposte certe — aggiunge Marco Bersanelli, docente di astrofisica, uno degli scienziati più in vista di CI — e quando vi sentite dare risposte certe e sicure, non fidatevi: sono spesso figlie di interessi e preconcetti».
INTENDIAMOCI: non è che i ciellini, fatta questa premessa, invitino l'uomo a sgassare in auto oppure a continuare a scaricare a più non posso rifiuti e industriali. Questo no. Però fanno capi re a chiare lettere che certe battaglie ed esasperazioni ambientaliste lasciano il tempo che trovano. Valter Maggi è docente presso l'Università Bicocca di Milano e responsabile del progetto che alcuni anni fa ha perforato per 3mila metri e passa chilometri l'Antartide, per cercare di avere informazioni da quelli che definisce gli 'archivi naturali' del Pianeta. Dice: «II clima si muove. Già in tempi non sospetti, e cioè quando l'uomo ancora non esisteva, la Terra ha subito mutazioni importanti del clima». «La Groenlandia una volta era coperta da foreste — aggiunge Elio Sindoni, direttore di Scienze e Ambiente sempre alla Bicocca — e il Sahara era un giardino fiorito». Allora l'uomo non viaggiava con auto inquinanti. Il Meeting di Rimini non si limita alle chiacchiere. Prova anche a dare dei numeri e a sfatare alcuni tabù.
I PIÙ SPASSOSI:
1)1 ghiacciai si stanno sciogliendo. Sì e no. Cioè: al polo nord sì, ma al polo sud i ghiacciai si stanno in realtà allargando.
2) La Terra rischia di diventare una palla di fuoco? Beh, è vero che negli ultimi cento anni la temperatura è aumentata di circa 0,8 gradi; ma lo sapete che su Giove, negli ultimi quindici anni, il termometro è invece salito di 7 gradi, da 200° a 193° ? Che ci siano anche lì dei marziani inquinatori?
3) In quattro milioni di anni, ci sono stati momenti assai più caldi e con una maggiore concentrazione di anidride carbonica; e quattro milioni di anni fa noi mortali non eravamo forse neanche nei pensieri di Dio o della cicogna.
4) Si dice che questo benedetto riscaldamento della Terra sia causato dalle crescenti emissioni di CO2 prodotte dalle industrie, però è stato dimostrato che l'uomo incide solo per l'l%.
5) Ogni giorno scompaiono dalla faccia della Terra 30 km di boschi, ma in realtà le rilevazioni satellitari hanno mostrato che dal 1982 al 1999 le aree boschive sono aumentate del 6%. E allora?


Fonte: Resto del Carlino del 25-08-2008

L'immagine: Salvador Dalì - Bambino Geopolitico , 1943
.

7 commenti:

Silvano. ha detto...

Va bene. Potremmo prendere queste asserzioni come prodotto di una normale dialettica. Ma cosa suggeriscono questi signori ? Continuiamo ad acquistare SUV perchè il mondo è nostro e fatta a nostra somiglianza ? A vivere in case coibentate con 2 cm di isolante ? Acquistare condizionatori per raffrescare le nostre case ? Produrre energia elettrica con mega centrali elettronucleari anzichè sviluppare un modello di produzione locale e distribuita ? Fare figli, almeno quattro o conque a famiglia, perchè poi qualcuno provvederà ?
Ma hanno fatto qualche proposta o si sono limitati alla solita predica ?

Danda ha detto...

Ciao!
Ci risentiamo! Vivendo a Rimini non potevo negare quale fastidio e inquinamento questo Meeting porta in una città che già di per sé in questo periodo è oggetto di invasioni turistiche. Poi devo dire che il titolo di questa 'edizione' e cioè "O protagonisti o nessuno" la dice lunga sull'arroganza che in genere i partecipanti dimostrano nel comportamento. Sono stata per anni a contatto e in conflitto con i ciellini con i quali non c'è verso di far capire che noi non possiamo e non dobbiamo sentirci i protagonisti del mondo!
In ogni caso tutto quanto hai elencato fa parte delle tematiche di un libro che sto leggendo "Non è vero che tutto va peggio", nella fattispecie scritti di M.Dotti. Però l'ottica è ben diversa. Si guarda ai problemi cercando di allontanarne il catastrofismo e cercando invece un po' più di ottimismo, per il quale dovremmo sentirci più invogliati a fare del bene e a proteggere la nostra Terra. Una cosa che però non va è che questi discorsi andrebbero bene se conclamati ad un pubblico diverso, più cosciente. Invece noi in Italia non lo siamo e quindi se qualcuno ci dice che tutto va bene continuiamo a fare i nostri comodi... come si suol dire "non c'è più sordo di chi non vuol sentire"!
Danda
P.s.: ho aggiunto un commento sul vecchio post delle vacanze sostenibili!

Gianca ha detto...

ridicoli e dannosi

Silvano ha detto...

Ciao Danda.
Ben tornata !
Ho letto il tuo resoconto sulle vacanze Ecolabel.
Esiste un sito per il turismo ecosostenibile ?

paolomot ha detto...

Come già detto sul blog di aspo-italia i punti pià spassosi si potrebbero smonmtare uno a uno....

Danda ha detto...

Rieccomi! Bentrovati!
@ Silvano: sono felice che il mio resoconto sia gradito, anche se non è terminato... ho ancora qualche lungo (ahimè) post da pubblicare!
Per quanto riguarda i siti sul turismo ecosostenibile ne conosco qualcuno di cui un paio riguardano la mia zona:
http://www.turismosostenibile.provincia.rimini.it/
http://www.ecospiagge.it/
http://www.ecoturismo-italia.it/
http://www.ecohotelsoftheworld.com/
ovviamente se si cercano settori particolari si trovano altre cose interessanti ma rischiamo l'off-topic! :)

@ Paolomot: è vero, facile prendere ogni argomento e rigirarselo come si vuole, come hanno fatto al Meeting, ma l'importante è cercare di metterci sempre un po' di ragione e capire che certi comportamenti sono universalmente e univocamente sbagliati!

paolomot ha detto...

@danda: concordo con te però devi pensare anche a chi non sa nulla di WG e co. quindi se non sa nulla prenderebbe come buono ciò che ha detto CL e ciò non sarebbe la verità; quindi è utile per informare i meno esperti che ciò che hanno detto è sbagliato!!!!