Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


domenica 6 settembre 2009

Vivere il Giappone. Kaizen!

di Daniele Bonafede

Kaizen! Non è un'imprecazione, ma una filosofia di prodotto, che diventa anche sociale.

Vedere qui.

A Tokyo - oltre 14 milioni di abitanti - ci sono giovani famiglie con uno più figli (più figlie, in realtà), mangi sano dai 5 euro ai 12 euro a pasto e sei sazio, la mezza d'acqua minerale fresca del distributore costa 110-120 yen (meno di un euro) praticamente ovunque: la trovi su treni, fermate del metro, alberghi, per strada, nei musei (dove ci sono fontanelle o tè verde caldo gratis, efficacissimo per combattere la sete). Nelle immediate vicinanze trovi i contenitori per buttare, anche i rifiuti urbani, in maniera differenziata (alluminio, plastica e termovalorizzabili) e con le sagome… Della serie: non ti puoi proprio sbagliare e se lo fai ti scherziamo finché non ti vergogni!

Ragazzi, questo è un popolo che convive e prospera con terremoti anche del settimo grado della scala Richter! L'ho sentito io di notte uno... leggero, ma l'ho sentito. E rimane tutto in piedi, al massimo ti vengono giù le cose dagli scaffali perché le strutture in metallo verticali, orizzontali e oblique fanno il loro lavoro... elasticamente!

Ho parlato con alcuni giovani. Lavorano, a tempo indeterminato, a 22 anni e sono "ingegneri" con 4 anni di università. Ci arrivano dopo una selezione micidiale, dato che sono milioni. E trottano. Guadagnano 1400 euro al mese il primo anno, pagano 800 euro (!) per una stanza a Tokyo (presa tramite l'azienda, a sconto), si muovono con metropolitana e treni interurbani per andare a lavorare anche a 100 km di distanza, dato che un posto auto costa il triplo dell'affitto di un appartamento.

Fumo: il 16 giorni non sono stato intossicato una sola volta dal topino-fumatore-col-riflesso-condizionato di turno. Vizio largamente disincentivato. Fumatori ci sono, ma non si vedono perché li blindano nelle "camere a fumo" per loro nei locali pubblici. Treni: off limits. Anche per strada, incollati sui marciapiedi ci sono divieti di fumare per non bruciare con la sigaretta chi si incrocia (prevenzione infortuni…). Però, in alcuni ristoranti la gente fuma mentre mangia e su questo, noi, grazie al giapponese di Milano, il Prof. Sirchia, siamo avanti!

Le biciclette: ho visto una bella signora e relativo bimbo, che sostituiva la batteria della bicicletta a pedalata assistita velocemente e semplicemente, riponendo quella scarica nel cesto portatutto della bici… ho visto, parcheggi-deposito per biciclette, gestiti da personale apposito, situati presso le stazioni dei treni interurbani. Erano distese sterminate e recintate di manubri luccicanti tutti perfettamente allineati ed efficientemente “stoccati” in attesa che il proprietario tornasse con il treno e ritirasse la bicicletta per andare a casa.


Sui treni e sulle metropolitane il personale è doppio rispetto che in Italia. Uno amministra la marcia e l'altro, in coda, verifica la perfetta corrispondenza, alla fermata, delle porte con i segnali posti per terra o con i cancelli della banchina che si aprono insieme alle porte del convoglio. Viaggiano con convogli di 12 carrozze. Sono silenziose, anche quando frenano, e non distruggono l'udito come quella di Milano e di Roma; sono fresche e non puzzolenti e non c'è un solo “graffito” fuori o dentro o graffio sui vetri. I sedili sono imbottiti, rivestiti di velluto e tutti integri.

I treni, anche quelli delle tratte più sfigate, sono silenziosi, ordinati, puliti, decorosi, freschi, larghi e comodi!

L'aria condizionata non è freddissima, ma il flusso è ben mosso, si sta freschi senza spreco e c'è in trenini di provincia, sui minibus di campagna, nelle stazioni dei treni e in quelle dei metro.

Chi svolge un servizio, pubblico o privato, è al completo servizio del consumatore/utente, cittadino/turista.

Uomo o donna, indossa una divisa, incluso il berretto (!), e svolge con onorabilità e diligenza il proprio compito. Proprio con "marziale" efficacia.

Un esempio, non solo formale, ma di sostanza è che quando il personale viaggiante dei treni Shinkansen entra o esce nella cabina di una carrozza saluta con un inchino "sentito" i viaggiatori nel salone della carrozza. Le porte sono marziali anche loro.. larghe un metro e rapide ad aprirsi e docili a chiudersi, ma sempre silenziose.

Altro esempio: all'aeroporto di Tokyo-Narita (profumato, pulito, luminoso, nuovo, colorato), prima di procedere all'imbarco, le hostess carinissime di JAL Japan Air Lines (altro servizio puntuale e decoroso... altro che le hostess vecchie e sguaiate di AZ che non si fanno problemi a lasciare abbandonato nel corridoio a rotolare pericolosamente, in balia del beccheggio dell'aeromobile, un carrello portavivande...) salutano tutte insieme con un inchino i passeggeri in coda. Gesti, ma non solo, che lasciano, noi che non siamo abituati, positivamente di sasso!

Sanno fare innovazione e sanno fare manutenzione.

Innovazione: Al quartier generale MONDO di Nissan a Yokohama ho fotografato (funzionante) la colonnina di ricarica delle automobili full electric "Zero Emission", come la nuova Nissan Leaf. Gli esemplari,della Leaf erano fuori sede, al centro sviluppo tecnico per essere spedite a Francoforte e torneranno in sede fra tre mesi.
Fra l'altro, Nissan consiglia sul suo sito web, di raggiungere il suo Global Head Quarter di Yokohama a poche decine di chilometri da Tokyo (23 minuti di treno) con i trasporti pubblici, dato che non ha fatto costruire un parcheggio!! Un costruttore di automobili consiglia di non usare l'auto ... per non infognarsi!!! Questa è onestà e praticità!

Manutenzione: prendo ad esempio le automobili, dato che sono soprattutto una cosa che gestisce il singolo, visto che ho già declamato il livello dei servizi pubblici di trasporto. Ebbene, le automobili, anche con alcuni anni sulle spalle, non hanno un solo graffio sulla carrozzeria, non puzzano, non sono rumorose, non fanno fumo (come fanno, e mortalmente, invece le nostre EURO 5!!!!). Mica che le regole per omologarle e per farle circolare siano diverse? Anche gli asfalti sono ineccepibili: sono biliardi, fonoassorbenti e drenanti, anche in città. E che a Tokyo, Nagoya, Kyoto, Nara, Osaka e Hiroshima... hanno rifatto tutte le strade prima che arrivassi io???

Digressione: come diffusione, Toyota e Nissan se la giocano. Tante Piccole, ma non troppo. Poche auto italiane e, guarda caso, non puzzavano e non facevano casino nemmeno loro: ho visto alcune Alfa Romeno di alta cilindrata a benzina (147, 159, Spider), una manciata di Cinquecento (la stufetta nuova, ma non quella di Lupin III...), una vecchia Punto e una Multipla (!), un paio di Ferrari e una Maserati Quattroporte. Il resto: tante tedesche e alcune francesi. Nota: i puristi le hanno ordinate con guida a sinistra...

Ma anche le vecchie stazioni di Tokyo sono in perfetta forma estetica ed efficienza. Sono estesissime e sembrano fluidi e ordinati formicai! Su un binario in 10 minuti transitano, si fermano, effettuano l’incarrozzamento e ripartono anche 3 Shinkansen... i famosi treni veloci da 285 kmh, che fanno un servizio che per i viaggiatori giapponesi è il nostro intercity con frequenti fermate, diciamo una mezz’ora (a proposito: puoi distendere le gambe... altro che Frecciarossa di prima classe… e l'altoparlante, con una voce femminile deliziosa, prodigo di informazioni e motivetti musicali, non ti assorda mai, neanche quando fanno annunci di bibite e panini!).

La vita urbana in Giappone è semplice e, soprattutto, sicura!
Perché c'è concorrenza e responsabilità, sia individuale che collettiva. E c’è ordine, logico e semplice, in tutto.
Chi ha compiti di responsabilità, ma anche chi esegue un lavoro piccolo ma importante nel contesto, non sfida la sorte, come qui da noi…, non se la gioca… semplicemente, perché non conviene. Previene, in progetto e nella gestione delle situazioni, l’insorgere di possibili problemi perché sa che il costo di un eventuale disagio o incidente a lui attribuibile avrebbe conseguenze non assorbibili, se fosse dimostrato che non ha fatto tutto il possibile per evitare che succedesse il sinistro. Altrimenti, con oltre 130 milioni di abitanti... che caos sarebbe?

E quindi… esempio non proprio banale, sui marciapiedi giapponesi non prendi una storta nemmeno se vuoi! Guardiamo i nostri? Oppure, le scale mobili: proprio perché è importante non farsi male, il corrimano deve essere utilizzato per prevenire cadute (i classici tre punti di ancoraggio che servono…). Ebbene, in Giappone viene pulito con regolarità da un addetto o c’è un sistema a spugna montato all’uscita dello nastro corrimano che provvede ad asportare lo sporco e a disinfettare la superficie in modo che i passanti possano utilizzarlo: a Milano, all’uscita via Turati del Metro, se ti appoggi, come verrebbe naturale, la mano diventa unta e nera o se c’è un po’ di fila e passando strusci il vestito… lo fai nero! Complimenti.

Chi vuole deviare lo fa con le magliette, il look (c'è chi si veste da bambola paffuta dell'Ottocento o da personaggio dei cartoni animati o altro: Cosplay) e i capelli, le auto sportive, lo scooter o la moto... anche lo smalto per le unghie per le ragazze (colori impossibili e alternati fra dito e dito, perline, pearcing metallici sull'unghia, di tutto... cose non portabili). Ma non rompe le palle! E se hai un tatuaggio, anche piccolo... ti puoi scordare i magnifici onsen, ovvero i bagni termali... figurarsi un piercing!

Ora che vi ho detto tutte queste piccole cose... ma ce ne sarebbero tante altre... fatevi due domande e datevi alcune grandi risposte.

Intanto io dico: e se ci riescono loro a vivere in armonia, noi siamo da meno?
Coraggio e umiltà, Italians! Il Giappone non è irraggiungibile dal Belpaese.

di Daniele Bonafede

------------------------------

Grazie Daniele per avere redatto per gli amici di MondoElettrico questo interessantissimo testo e avermi permesso di pubblicarlo.

... Coraggio Italians!

(le immagini sono tratte dall'album di viaggio di Daniele)

.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

con quella densità di popolazione sono obbligati...altrimenti dubito che non avrebbero seguito la tendenza "autocentrica".....

Anonimo ha detto...

@ #1 comincio ad averne due palle dei coglioni con la "rispostina femminina" sempre pronta.... te e amici > andate a far in culo: DOBBIAMO METTERCI IN TESTA CHE LA VITA E': EVOLUZIONE CAMBIAMENTO OTTIMIZZAZIONE ED ADATTAMENTO....


i deficenti come te NON mi sembrano per niente pronti e rallentano "il passo", quindi: corda&sapone + un punto solido in cui attaccare la corda, due minuti da "uomo" e ti togli da culo da solo.... sei un finocchietto per "il bene di mamma" o cresci o "evapora", il mondo ti ringrazierà!

Anonimo ha detto...

ho solo scritto come sarebbero andate le cose in condizioni diverse (non ho scritto che è una cavolata quel sistema anzi...)...mahh certi individui sono da manicomio i moderatori che fanno dormono????

Anonimo ha detto...

Apprezzo in parte la loro cultura, ma perchè a questo alta cura di vita corrisponde il più alto tasso di suicidi al mondo? che strano...

Massimo De Carlo ha detto...

Questo blog non è sotto nessun tipo di moderazione. Ognuno può esprimere il proprio pensiero liberamente auto-moderando (sperabilmente) il modo con cui lo fa. Sicuramente interverrei cassando interventi troppo bruschi nel caso in cui dovessero comparire offese personali nei confronti di persone riconoscibili. Cerchiamo di auto-responsabilizzarci.

Daniele ha detto...

EVOLUZIONE CAMBIAMENTO OTTIMIZZAZIONE ED ADATTAMENTO. sono d'accordo.

Gli svedesi, della magnifica Svezia piena di immigrati, sono i giapponesi d'Europa - come dice la mia amica Ylva - si vive bene e organizzati, ma anche lì non sono tanto felici.

Misteri dell'esistenza umana!

Anonimo ha detto...

forse un alto tasso di suicidi perche' sono in tanti...(tante persone..statisticamente tanti suicidi)...ma anche tanta gente che vive felice.

comunque ci vuole ben poco per fare meglio dei tanto decantati italiani e del bel paese. Ben poco. Guardiamoci attorno e cerchiamo di essere noi il cambiamento che vogliamo nel mondo come diceva il sig. gandhi