Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


giovedì 27 marzo 2008

Alla faccia del nucleare , la Spagna

Nel mese di luglio 2007 il governo spagnolo ha approvato una legge che permetterà di costruire parchi eolici offshore lungo le coste della nazione, nel tentativo di aumentare l'uso di fonti di energia rinnovabili. Se i parchi eolici offshore sono più costosi di quella realizzati sulla terra ferma possono altresì usufruire di brezze costiere più forti.
Frattanto lo scorso fine settimana l'energia eolica ha prodotto un significativo record in Spagna contribuendo per un significativo 40 per cento di tutta l'elettricità consumata nel corso di un breve periodo. Sabato sera infatti i parchi eolici hanno generato 9.862 megawatt di potenza, che tradotto costituisce un 40,8 per cento del consumo totale. Tra venerdì e domenica l'energia eolica ha rappresentato una media del 28 per cento di tutta la domanda di energia elettrica in Spagna.
Spagna, che insieme con la Germania e la Danimarca, è tra i tre maggiori produttori di energia eolica in 27 nazioni dell'Unione europea, mira a triplicare la quantità di energia che deriva da fonti rinnovabili entro il 2020.

Da metaefficient.com
.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ma cosa ce ne facciamo di questa tecnologia obsoleta, costosa come il carbone e senza rischi? molto meglio dieci centrali nucleari di veltrusconi tanto lo sanno tutti che l'italia e' piena d'uranio e quindi avremo la completa autarchia energetica, senza correre rischi perche' il nucleare e' sicuro la tecnologia ha fatto passi da gigante vedi giappone 2007, e infine il terrorismo e' stato finalmente sconfitto quindi non ci sono rischi... per le scorie finalmente si e' trovato il sistema per smaltirle almeno in parte basta usare l'uranio impoverito per i proiettili e le bombe perforanti di ultima generazione. infine non preoccupatevi se le scorte di urani o a basso costo con la produzione attuale dureranno ben 40 anni, la natura e' piena di elementi di uranio in percentuali infinitesimali che l'estrazione ha uno bilancio energetico super negativo e la produzione di co2 per una bella torta di yellow cake sale paurosamento. ma alla fine chissene frega tanto paga pantalone.italia rialzati si puo fare.

Silvano Robur ha detto...

Ciao Anonimo.
Complimenti per la polemica.
Proposte ?