Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


mercoledì 24 dicembre 2008

È Parma la città più eco-mobile

Parma guida la classifica della mobilità sostenibile, che vede invece agli ultimi posti Taranto, L'Aquila, Campobasso. Sono alcuni dati contenuti nel secondo rapporto "Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città", elaborato da Euromobility e Kyoto Club in collaborazione con Assogasliquidi e Consorzio Ecogas e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente. La graduatoria delle città italiane alla ricerca della eco-mobilità è stata stilata tenendo conto di alcuni indicatori, come le innovazioni introdotte per la gestione della mobilità (car sharing, bike sharing, taxi collettivi, piattaforme logistiche per le merci, mobility manager, car pooling, ecc.) e la loro efficacia; lo stato di salute delle città in relazione alla presenza di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili alternativi (Gpl, metano); l'offerta di trasporto pubblico, le piste ciclabili, le ZTL, le corsie preferenziali; l'adozione di strumenti di gestione e di pianificazione del traffico. Le 50 città monitorate sono i 20 capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti. La classifica vede quest'anno al primo posto Parma, che ha scalzato Bologna. La città emiliana ha un trasporto pubblico che funziona, ha avviato importanti innovazioni nella gestione della mobilità, ha una quota significativa di auto a basso impatto ambientale, pianifica il traffico e tiene lo smog sotto controllo. Nella "top ten", che vede sul podio ben quattro città emiliane, seguono Bologna, poi Firenze e Venezia a pari merito, quinta Padova; al sesto posto si trova Torino e al settimo Bari (unica città del sud che è anche migliorata rispetto all’undicesimo posto dello scorso anno); segue Modena all’ottavo posto e quindi Ferrara nona e Genova decima.

.

1 commento:

jacker ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.