Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 16 luglio 2010

L'America di Obama. Recovery Act Investments, trasformare il settore trasporti

Il Dipartimento per l'Energia ha pubblicato un nuovo rapporto sulle ripercussioni economiche del Recovery Act Investments che riguarda le batterie avanzate ed i veicoli.

Il rapporto "Recovery Act Investments: Transforming America's Transportation Sector", documenta come i fondi Recupero del Recovery Act unito al capitale privato è in grado di generare nuovi posti di lavoro, costruire nuovi impianti, aggiungere nuove linee produttive, installare stazioni di ricarica per i veicoli elettrici in tutto il paese e contribuire a far crescere l'emergente industria nazionale dei veicoli elettrici pur partendo da zero.

Gli investimenti in batterie da soli, per esempio, dovrebbe contribuire a ridurre il costo delle batterie di alcune auto elettriche di quasi il 70 per cento entro la fine del 2015. In più, grazie in parte a tali investimenti, fabbriche degli Stati Uniti saranno in grado di produrre le batterie e componenti per supportare fino a 500.000 veicoli elettrici all'anno entro il 2015. Nel complesso, questi investimenti creeranno decine di migliaia di posti di lavoro americani.

Fonte; D.O.E. - U.S. Department of Energy
.

2 commenti:

Silvano Robur ha detto...

Qualcuno deve aver mangiato la foglia.

Foglia, in inglese, si chiama "Leaf".

Vi viene in mente qualcosa ?

L'anno scorso mi sono iscritto ad un blog della Nissan.

E' la casa che produce la "Leaf" : auto totalmente elettrica.

E' da marzo che vengo contattato per provare la "Leaf" in varie città statunitensi.

All'inizio non riuscivo a capire : non riuscivo a capire come la Nissan prevedesse che il mercato USA avrebbe avuto, da li a poco, una predisposizione all'elettrico.

I curatori del blog "Leaf Usa" mi spiegavano la politica della Nissan, lo sviluppo di una rete intelligente, le previsioni di sviluppo del mercato, le previsioni delle politiche energetiche negli Stati Uniti.

Sapevano in anticipo che la politica li avrebbe aiutati.

Che politica, mercato ed industria si sarebbero seduti allo stesso tavolo.

Che avrebbero condiviso una piattaforma comune basata su energia ed ambiente.

Insomma, tutti sapevano che sarebbe successo.

Guardate a sinistra di Obama : quella che si vede è una foglia.

Leaf.

Massimo De Carlo ha detto...

Triste osservare, invece, a quali tavoli la politica italiana si siede...