Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 2 luglio 2010

Studi sui biocarburanti da alghe

Il dipartimento dell'energia statunitense (DOE -US Department of Energy ) ha annunciato nei giorni scorsi l'investimento di un massimo di 24 milioni dollari (poco meno di 20 milioni di euro al cambio odierno) per tre gruppi di ricerca per affrontare gli ostacoli principali nella commercializzazione dei biocarburanti a base di alghe per il settore dei trasporti. Un obiettivo di costante impegno del Dipartimento per stimolare la creazione posti di lavoro anche nel settore nazionale della bio-industria . A questo si aggiunge l'altro obiettivo che è quello di ridurre le emissioni di gas serra e muovere la nazione verso l'indipendenza energetica.
I tre consorzi selezionate per il finanziamento sono:
Sustainable Algal Biofuels Consortium (Mesa, Arizona): Condotto da Arizona State University, questo consorzio si concentrerà sulla verifica di accettabilità dei biocarburanti alghe per sostituire i combustibili a base di petrolio. I compiti comprendono indagando conversione biochimica di alghe ai combustibili e dei prodotti, e analizzando le proprietà chimico fisiche dei combustibili algali e precursori di carburante (finanziamento DOE fino a $ 6 milioni).

Consortium for Algal Biofuels Commercialization (San Diego, California): Led dalla University of California, San Diego, questo consorzio si concentrerà sullo sviluppo di alghe come materia prima i biocarburanti robusto. I compiti comprendono indagare nuovi approcci per la protezione delle colture algali di alghe utilizzazione dei nutrienti e il riciclaggio e lo sviluppo di strumenti genetici. (finanziamento DOE fino a $ 9 milioni).

Cellana, LLC Consortium (Kailua-Kona, Hawaii): Condotto da Cellana, LLC, questo consorzio esaminerà scala vasta produzione di carburanti e dei mangimi da microalghe coltivate in acqua di mare. I compiti comprendono l'integrazione delle nuove tecnologie di raccolta delle alghe con letti di coltivazione su scala pilota di test e lo sviluppo di microalghe marine per l'alimentazione animale per l'industria dell'acquacoltura. (finanziamento DOE fino a $ 9 milioni).

Nonostante il potenziale delle alghe, molte sfide tecniche ed economiche devono essere superati per i biocarburanti alghe per essere commercializzato. Per identificare questi ostacoli e le attività di sviluppo, il DOE ha riunito 200 esperti nel National Algal Biofuels Technology Roadmap Workshop provenienti da tutto il paese, sintetizzando i risultati dei laboratori e pubblicando una relazione nel Maggio del 2010.

Fonte : Energy Efficiency and Renewable Energy (EERE) del Dipartimento dell'Enegia USA

Credo che sia una perdita di tempo e di economie che porterà al solo risultato di coprire un mercato di nicchia capace di procurare quei danni che i carburanti (bio o non bio) arrecano alla natura ed alla salute e che conosciamo da decenni .

L'immagine (microalga Botryococcus) è tratta dalla relazione National Algal Biofuels Technology Roadmap

.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao carlo, ma le alghe non rendono moolto più carburante delle altre materie prime dei bio-carburanti?

ed inoltre no vai a danneggiare la filiera alimenta..

dove non ti cionvince questop investiomento'
?

Massimo De Carlo ha detto...

Bisognerebbe capire come funziona tutto il sistema di 'allevamento' delle alghe. Suppongo che possano nascere dei problemi di eutrofizzazione ma soprattutto costituirebbero una nicchia di mercato marginale per mantenere in vita una tecnologia obsoleta quale è quella motore endotermico che è a bassa efficienza.

Gabriele ha detto...

Nonostante condivido con il Blogger Massino (a proposito: bravo). L'idea della probuzione del greggio tramite flora, era conosciuta molto prima del motore a benzina. I greci ad esempio ricavavano il catrame per le barche e le lampade dal Pino Silverstro e ci sono tanti altri esempi. La questione che ha trascurato il signor Massimo, è che pure io spero che l'umanità possa far proprio a meno del petrolio e proprio per questo, il petrolio deve essere almeno usato per produrre plastiche e resine esenziali per i prodotti tecnologici quindi è meglio che trovino una soluzione definitiva con l'uso delle alghe ma non per la combustione. http://it.wikipedia.org/wiki/Colofonia

http://it.wikipedia.org/wiki/Trementina

http://www.promolegno.com/legno/specie-legnose/pino-silvestre.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Styrax_benzoin

Ricordiamo che il per trasformare il petrolio in tutto cio che vogliamo devono essere effettuati: carotaggi, trivellazione, estrazione, pompaggio, purificazione, distillazione, e infine trasporto. Non credo che sia una risorsa più concreta rispetto all'energia ricavata dalle risorse alternative.

Mi farebbe piacere se Massimo commentasse il mio intervento.

Massimo De Carlo ha detto...

Il petrolio deve essere utilizzato per tutto ciò che non richiede combustione ma semplice trasformazione. Di conseguenza tutto ciò che viene bruciato corrisponde ad un uso sbagliato della risorsa, compreso il legno, biocumbustibili per non parlare della tecnologia balzana dell'inceneritore (dei rifiuti).