Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


lunedì 5 settembre 2016

Sorpresa, le immatricolazioni delle auto ibride raggiungono quelle delle auto a metano ad Agosto

Vanno benissimo le immatricolazioni delle auto ibride, talmente bene che stanno raggiungendo i numeri delle immatricolazioni delle auto a metano. Si potrebbe anche dire che le auto a metano cominciano a non essere viste bene dagli automobilisti e che sono sbagliate le scelte imprenditoriali di poche pochissime case automobilistiche che hanno voluto puntare su questa tecnologia e che quindi lo hanno fatto con scarsa lungimiranza. Ma non arriviamo a conclusioni avventate in quanto il mese di Agosto potrebbe solo un segnale ma non una effettiva crisi del metano ma è certo che le auto 'ibride crescono notevolmente nei favori degli italiani. Fatto sta che le immatricolazione delle auto ibride sono state nel mese scorso 1.523 mentre le auto a metano sono state 1.559, incidendo ciascuna tecnologia per il 2,1% e del 2,2% del mercato complessivo delle auto. Vedremo se ci sarà il sorpasso in un prossimo futuro.
Discorso diverso per le auto elettriche che continuano a mantenere uno 0,1% del mercato totale regredendo in quanto a cifre sia a livello mensile che annuale.

La crescita delle ibride a livello mensile segna una crescita quasi del 80,2% rispetto ad Agosto 2015 e il 50,4% nel periodo Gennaio-Agosto. Le auto elettriche pure invece hanno perso il 4,1% rispetto ad Agosto 2015. Nel computo dell'anno in corso le auto elettriche hanno perso circa il 26,3%. Nel mese trascorso metano segna un pesantissimo segno negativo, - 43,4%, e del 27,9% nell'anno

L'indice di penetrazione delle auto elettriche/ibride sale, grazie alle ibride al 2,2% nei primi 8 mesi dell'anno in corso.

Con i dati forniti dalla 'UNRAE (l'Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan) provenienti dal Ministero dei Trasporti, possiamo verificare quale sia la situazione dei primi 4 mesi riguardanti le immatricolazioni delle auto elettriche e ibride, aiutandoci con i nostri grafici per rendere più semplice la visione.


I nostri grafici delineano l'andamento delle vendite mese per mese nell'anno solare a partire dal 2010.

Le auto elettriche pure
Ad Agosto le auto totalmente elettriche sono 47 contro le 49 del 2015 con una riduzione del  4,1% .




Le auto ibride
Nel mese di Luglio sono state immatricolate 1.523 auto ibride con un incremento dell'80,2% rispetto allo stesso mese del 2015.



Novità introdotta quest'anno, non presente nel 2015, nei dati forniti dal Ministero è la suddivisione delle auto ibride secondo l'alimentazione termica, a trazione elettrica + benzina sono 1.511 e 12 in elettrica + diesel.



La progressione mensile delle immatricolazioni delle auto elettriche e ibride a partire da Gennaio 200


Come abbiamo detto l'introduzione delle auto elettriche e ibride nel mercato complessivo delle auto sale al 2,2% nei primi 8 mesi dell'anno.


Vediamo adesso la classifica delle auto elettriche e ibride più vendute a Luglio e nei primi 8 mesi del 2016.

Sui gradini del podio delle elettriche pure a Agosto troviamo :

1° posto - Tesla Model S con18 unità,
2° posto - Nissan Leaf con 9 auto.
3° posto - BMW I3 con 8.


Nei primi 8 mesi del 2016

1° posto - Nissan Leaf con 309 unità,
2° posto -  Tesla Model S con 145,
3° posto -  Citroen C-ZERO con 136 auto.


Le auto ibride più vendute sono:

1° posto - la Toyota Yaris con 640 unità,
2° posto - la Toyota Auris con 298,
3° posto - la Toyota RAV 4 con 425.

Nei primi 8 mesi del 2016

1° posto - la Toyota Yaris con 11.197 unità,
2° posto - la Toyota Auris con 6.054,
3° posto - la Toyota RAV 4 con 2.595.


Tra qualche giorno vedremo il mercato delle auto elettriche/ibride negli Stati Uniti.





MondoElettrico è anche su   

.

4 commenti:

Aldo ha detto...

Da possessore di auto a metano, penso che la miopia non sia solo delle case costruttrici. Anche la pianificazione statale (inesistente) ci mette del suo. A svantaggio del metano ci sono:
- impossibilità de-facto di impianti self service;
- rete distributiva carente (specie in alcune regioni e comunque fuori dall'Italia non va certo meglio);
- disapplicazione del regolamento ECE R110 (con costi di revisione biennali/quadriennali anche abbastanza salati per alcuni modelli);
- nessuno sgravio fiscale se l'auto è catalogata come bivalente (cioè se ha una riserva di benzina superiore a 15L).

Certo, anche i costruttori fanno la loro parte, proponendo una gamma estremamente ristretta di auto a metano, in alcuni casi con motori assolutamente inadeguati.

Per contro, l'ibrido, che non ha gli svantaggi di cui sopra, guarda caso, è pressoché in mano ad un unico costruttore, che a listino ha una gamma oggettivamente ampia e con prezzi ragionevoli (avete presente quanto costa, tanto per citare una macchina di grande serie, una Golf GTE?).

Se qualche costruttore inizierà a proporre altrettanti modelli ibridi così come oggi sta facendo Toyota, non mi stupirei affatto se le auto ibride immatricolate fossero il doppio di quelle a metano.

Mauro ha detto...

@Aldo:
Le auto a metano sono quasi monopolio italiano e quindi non godono di favori....

Le auto ibride mi lasciano perplesso.
Costo elevato, peso elevato, manutenzione elevata
Risparmio di carburante modesto.
Le limitate batterie non consentono di recuperare una lunga discesa.

Vedo l'ibrido come una sorta di accanimento terapeutico nel tentativo di rallentare la morte dell'endotermico e ritardare l'introduzione di massa dell'elettrico puro.

stefano ha detto...

Mauro, a me sinceramente lascia perplesso il 'ritorno' al diesel, come alternativa (perchè lo è in realta, o lo è per molti) alla mobilità cittadina..
Sull'ibrido:
-costi: mah..conosco un tizio con una Prius..spende circa 300 euro l'anno di manutenzione..un diesel o una benza ti può costare tranquillamente il doppio se non di più..il fatto è che la gente la manutenzione semplicemente non la fa..
Tra l'altro, la marca che citi tu, ha i listini online dei vari tagliandi..roba che per alcune case automobilistiche è considerato tabù..
I costi inferiori sono dovuti alla ridotta o limitata utlizzazione dell'endotermico..in città te ne accorgi..eccome..ed ovviamente alla ridottissima manutenzione dell'elettrico e delle batterie (le quali, se hanno difetti vengono sostituite gratis..).
Certo che se la utilizzi in autostrada ti do pienamente ragione..motorizzazione assolutamente equivalente ad un normale endotermico..
Poi..un'utilitaria..chiamamola così..con un paio d'accessori ti costa molto spesso molto più di un modello ibrido di prima fascia..che ora ti porti a casa con poco più di 13mila euro..sai quante auto a benza con quel motore endotermico (mi pare sia un litro e mezzo..) costano di più o uguale? molte..
Certo, è un crossover tra un'epoca e un'altra..e chissà quali (tanti) altri problemi avremo da qui a poco..forse l'auto morirà semplicemente..a batterie o a benza..vittima degli stessi limiti planetari contro cui ci stiamo già scontrando.
Un saluto.
stefano

Massimo Fiorito ha detto...

Ciao Mauro, credo che tu parli per sentito dire, possiedo una Yaris ibrida dal Marzo del 2014, l' ho acquistata finanziando completamente il costo dell' auto con la finanziaria di Toyota, ho aggiunto nel pacchetto anche i tagliandi (4) al costo di 11,00 € mensili per 47 mensilità. Ad oggi non ho avuto il benchè minimo problema e sono soddisfattissimo della mia scelta fatta all' epoca per motivi ecologici, ed alla scadenza del finanziamento penso di sostituirla con la nuova Prius plug-in. Nell' articolo riguardante i consumi di carburante di Luglio, ho postato un articolo sui resoconti tra la mia attuale vettura e la precedente.Comunque, ricoverare l' auto in garage, senza emettere gas di scarico non ha prezzo.