Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 13 giugno 2014

Autostrade su e giù

Sono disponibili i dati  relativi al traffico autostradale di Marzo nel sito web dell'AISCAT (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori). Consideriamo i dati del traffico autostradale uno degli indicatori dello stato di salute del nostro Paese, in quanto, nel bene e nel male, il traffico che cresce significa una maggiore scambio di merci e spostamenti di persone siano esse immerse nel flusso turistico e puro pendolarismo lavorativo con mezzi propri di trasporto.  La realizzazione dei nostri grafici con questi dati  ci permette poi  di comprendere l'evoluzione del traffico autostradale nel tempo. Sulle strade viaggiano sì i pendolari ma soprattutto le merci con i mezzi pesanti, la produzione e quindi la nostra ricchezza.
In Marzo assistiamo ad una appena percettibile crescita rispetto allo stesso mese dell'anno passato comunque ancora al di sotto del traffico di due anni fa, sia per quanto riguarda i veicoli leggeri che quelli pesanti che il totale complessivo.
Cresce il numero in milioni veicoli-km dei veicoli leggeri +0,1% come quello dei veicoli pesanti +1,5 % e quindi nel traffico totale +0,4 %. Se il totale di marzo si attesta a 5.856,5 milioni veicoli-km con una cifra quindi superiore rispetto allo stesso mese di marzo del 2013, 5830,5, rimane al di sotto rispetto al 2012 quando superò abbondantemente i 6 milioni di veicolo-km, esattamente 6.290. Come vediamo nel secondo grafico, la contrazione più evidente è quella del trasporto merci con i mezzi pesanti, il che dimostra che le cose ancora non marciano nel modo dovuto.

 Qui di seguito i nostri grafici a cominciare dal traffico con il numero in milioni veicoli-km dei veicoli leggeri


e si prosegue con  dal traffico in milioni veicoli-km dei veicoli pesanti, dove è evidente la distanza con lo stesso mese di due anni fa


per finire col totale.


Per avere un'ulteriore conforto grafico dell'andamento negli anni, gli ultimi 14 anni, per la precisione. osserviamo l'ultimissimo grafico, ripartito per trimestri, anche se mancano gli ultimi 2 trimestri del 2013 e il primo del 2014, non ancora diffusi dall'Aiscat. Il picco del 2006 è evidente, come evidente la discesa progressiva


Per curiosità vediamo quale è stato l'andamento del traffico nel tratto del Frejus quello che dovrebbe essere alternativo alla tratta ferroviaria dell'alta velocità che, secondo i progettisti dovrebbe attutire la crescita vertiginosa dello scambio delle merci tra l'Europa, spostando le merci stesse dalla gomma alla strada ferrata. La grande opera indispensabile. Indispensabile? Crescita delle merci? Vediamo.

In 13 anni il traffico si è quasi dimezzato, e il rallentamento è cominciato ben prima della crisi economica globale del 2008. Meditate.




MondoElettrico è anche su   

.


3 commenti:

mago ha detto...

sarà, ma il traffico pesante domenicale nel tratto roncobilaccio calenzano, che faccio spesso è quasi sparito, mentre fino a un anno fa causava ingorghi e rallentamenti, specie sulla corsia nord.

federico ha detto...

da mestre a milano pago 40 euro di autostrada..che parametro di ricchezza è?
l'ultima uscita in auto l'ho fatta a Vicenza..130km tutta per statali..risparmiati 28 euro..che ho speso in pietanze del territorio,questa è ricchezza!
Le autostrade sono un furto.

Massimo J. De Carlo ha detto...

Scende anche il consumo dei carburanti, una connessione con l'uso delle autostrade deve esserci.