Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


lunedì 23 dicembre 2013

Il consumo di petrolio è cresciuto del 4,9 % in novembre negli USA

Le consegne di petrolio negli Stati Uniti ( una misura della domanda ) sono aumentate del 4,9 % dal novembre 2012 con una media giornaliera di 19,4 milioni di barili. Consumi che riflettono il buon andamento dell'economia di quel Paese.
La domanda di benzina è aumentata del 5,4 % ( novembre 2012) in media poco più di 8,9 milioni di barili al giorno, mentre i distillati (gasolio) sono aumentate del 3,7 % a poco meno di 4,0 milioni di barili al giorno.
Nello stesso periodo, la domanda è aumentata del 7,0 % per il carburante jet e del 10,3 % per " altri oli ". Domanda di carburante residuo è diminuito del 24,9 % rispetto allo scorso anno a 243 mila barili al giorno, il livello più basso mai registrato per il mese di novembre.
Gli ingressi nelle raffinerie degli Stati Uniti sono aumentate del 3,2 % (novembre 2012). Con 15,9 milioni di barili al giorno, hanno raggiunto il secondo livello più alto dei novembre degli anni passati.
Le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati sono aumentate 6,0 % rispetto allo scorso anno con 3,6 milioni di barili al giorno, il livello più alto per i mesi di novembre.
La crescita della produzione nazionale sta aiutando i consumatori mettendo pressione al ribasso sui prezzi.
La produzione di benzina è aumentato del 3,1 % rispetto allo scorso anno con 9,4 milioni di barili al giorno, al secondo più alto output sul disco a solo 63 mila barili al giorno sotto la soglia record di tutti i tempi del luglio 2010. Per l'anno in corso fino ad oggi, la produzione di benzina è aumentato del 2,1 % rispetto allo stesso periodo dello scorso anno ed è stato il più alto dall'inizio anno. La produzione di distillato è aumentato 8,3 % da novembre 2012 arrivando ad un massimo storico di 5,1 milioni di barili al giorno, la prima volta in assoluto sopra 5,0 milioni di barili al giorno. Da inizio anno la produzione di distillato anche raggiunto un record storico di 4,7 milioni di barili al giorno.
Record anche nella produzione di greggio nazionale nel mese di novembre in media sopra 8,0 milioni di barili al giorno per la prima volta in 25 anni. Produzione di greggio degli Stati Uniti è aumentato del 13,8 % da novembre 2012 a poco più di 8,0 milioni di barili al giorno.
Il gas naturale liquido ( NGL ovvero GPL ) alla produzione, coprodotto della produzione di gas naturale, ha raggiunto un nuovo massimo storico di poco più di 2,7 milioni di barili al giorno il mese scorso, con un incremento del 7,6 % da novembre 2012.
Secondo gli ultimi rapporti di Baker - Hughes , Inc., il numero di piattaforme petrolifere e di gas negli Stati Uniti nel novembre 1.756 è stato, cintro le 1.744 di ottobre.
Le scorte di petrolio greggio sono scese dello 1,0 % dallo scorso novembre a 375,7 milioni di barili, il secondo più alto livello inventario per il mese. Le scorte di benzina del motore chiudono in calo del 1,4 % rispetto allo scorso anno con 212,3 milioni di barili nel mese di novembre. Le scorte di olio combustibile distillato sono diminuite dell' 1,1 % rispetto ad un anno fa i livelli per porsi  116,7 milioni di barili. Questo era il livello più basso di inventario per il mese in 61 anni, dal 1952.
Il totale delle importazioni statunitensi e importazioni di petrolio greggio è sceso ai livelli più bassi novembre in 17 anni. Le importazioni totali sono scese del 5,7 % rispetto allo scorso anno in media 9,6 milioni di barili al giorno, mentre le importazioni di petrolio greggio sono scese del 5,4 % a 7,7 milioni di barili al giorno nel mese di novembre. Le importazioni di prodotti petroliferi affondano ad una quota del 6,8 % contro il novembre 2012 a 1,9 milioni di barili al giorno. Questo è il livello più basso delle importazioni per il mese in 14 anni, dal 1999.
Il tasso di utilizzo della capacità di raffinazione è  stato mediamente del 89,3 % nel mese di novembre, in crescita di 2,9 punti percentuali rispetto al mese di ottobre e di 0,7 punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La capacità utilizzabile di raffineria API è stato di 17.816 milioni di barili al giorno, in crescita del 2,3 % dalla capacità dello scorso anno che era stato del 17.408 mila barili al giorno.
API è una associazione nazionale che rappresenta tutti i segmenti del settore del petrolio e del gas naturale guidato dalla tecnologia americana, con oltre 550 membri tra cui grandi imprese integrate, che si interessano della esplorazione e produzione, raffinazione, marketing, gasdotti e sistemi marini, servizi e forniture alle imprese,  forniscono la maggior parte dell'energia della nazione e sono supportati da un crescente movimento di base di quasi 20 milioni di americani. L' industria sostiene inoltre 9,8 milioni di posti di lavoro degli Stati Uniti e l'8 % dell'economia degli Stati Uniti, offre 85 milioni dollari al giorno di entrate e, dal 2000, ha investito oltre 2 trilioni di dollari in progetti di capitale degli Stati Uniti per promuovere tutte le forme di energia , comprese le alternative.


Questo è quanto si ricava dal comunicato stampa API presente nel loro sito istituzionale, naturalmente dimenticandosi di chiarire a che cosa è dovuta il grande risultato così enfaticamente sottolineato. Aumenta la produzione interna, si importa meno petrolio estero, il petrolio, l'energia e i carburanti costano di meno e di questo se ne avvantaggia l'economia americana che è in forte espansione, ma a scapito di chi, di che cosa e quanto durerà  (la bolla) non si dice nulla. Qualche settimana fa scrivemmo un post dal titolo Gli USA diventeranno il primo produttore mondiale di petrolio che iniziava e finiva con queste parole "Secondo un articolo di Bloomberg online, gli Stati Uniti si apprestano a superare l'Arabia Saudita ...di questa previsione quando tireremo le somme a fine a anno e soprattutto quando la produzione da "scisti bituminosi" calerà rapidamente nel corso del tempo dopo che la tecnologia del fracking, la fratturazione idraulica, avrà procurato disastri al territorio, inquinamento e distrutto le falde acquifere."

Buone feste, finché si possono fare i festeggiamenti! Prima del grande risveglio.

MondoElettrico è anche su   

.


1 commento:

mago ha detto...

the show must go on. Costi quel che costi.