Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


sabato 5 maggio 2012

Oggi il Giappone spegne l'ultima centrale nucleare

Come si prefigurava in un post precedente, The end. La repentina morte del nucleare giapponese?,  il Giappone spegne l'ultima centrale nucleare in questo fine settimana.

Il 5 Maggio,oggi, verrà spento l'ultimo reattore nucleare ancora all'opera un anno dopo lo sfregio procurato dallo tsunami e dal disastro nucleare di Fukushima. La nazione dovrà sopravvive per tutta l'estate e convivere con la penuria di energia elettrica.

Come racconta anche il quotidiano online Asahi Shimbun, il Giappone si troverà senza nucleare per la prima volta dal 1970 mettendo sulla difensiva i produttori di energia elettrica. L'opposizione al nucleare è molto attenta a sfruttare l'occasione che si presenta qualora si dimostri che la produzione di energia è  sufficiente per soddisfare le esigenze del Giappone nei mesi estivi quando vi sarà il picco di domanda .

"Potrebbe essere la fine del nucleare? Si, potrebbe essere", ha detto Andrew DeWit, professore alla Rikkyo University di Tokyo, che studia le politiche energetiche. "Questa è la ragione per cui la gente sta combattendo fino alla morte."

Il Giappone è riuscito a superare brillantemente l'estate dello scorso anno, senza interruzioni, imponendo limiti nell'uso nel periodo immediatamente successivo al terremoto e allo tsunami. Le fabbriche utilizzato l'energia di notte e nei fine settimana per evitare di mettere troppo stress sulle reti elettriche del paese. Un successo simile quest'anno indebolirebbe la tesi dei sostenitori del nucleare. 

"I sondaggi non sono favorevoli al nucleare", ha detto DeWit. "Una volta  passata l'estate senza reattori, come si potrà riaccenderli? "

Il Giappone ha (aveva) 54 reattori nucleari. Uno per uno le centrali nucleari del paese sono state chiuse per manutenzione programmata e il riavvio è stato impedito dalla crescente preoccupazione dell'opinione pubblica sulla loro sicurezza.

L'ultimo in funzione, il reattore n ° 3 Tomari di Hokkaido Electric Power Co. nel nord del Giappone, è in programma di spegnimento il 5 maggio,oggi.

Gli attivisti anti-nucleare celebreranno l'evento con manifestazioni di giubilo durante il fine settimana.

L'energia nucleare ha fornito quasi il 30 % dell'energia elettrica prima del disastro dell'11 marzo 2011.

Fino a quel momento, il Giappone aveva intenzione di aumentare la quota di produzione dal nucleare a oltre il 50 % entro il 2030.

Un anno dopo, il livello di preoccupazione del pubblico circa la sicurezza del settore è tale che il governo sta ancora lottando per trovare una politica a lungo termine sull'energia, un ritardo che può avere un profondo impatto sull'economia e sottolineando quanto sia costoso passare ad un futuro post-nucleare.

Un sondaggio dell'agenzia di stampa giapponese lo scorso fine settimana ha circa il 60 % della popolazione è contro il riavvio dei due reattori.

La maggior parte dei sindaci e dei governatori delle comunità di cui si trovano ospitati gli impianti nucleari vogliono garanzie di sicurezza oltre agli stress-test prima di accettare di riavvio.

In definitiva, l'economia del Giappone, sostengono alcuni, già indebolita da anni di deflazione, potrebbe soffrire se i reattori non verranno riavviati.

Il Giappone ha visto salire le importazioni di gas naturale liquefatto del 18 % in volume e del 52 % in valore economico fino a 5,4 trilioni di yen ($ 67 miliardi) per l'anno fiscale terminato alla fine di marzo.

L'energia da fonti rinnovabili rappresentano circa il 10 % della produzione di energia elettrica del Giappone, la maggior parte di che da dighe idroelettriche. L'energia eolica e solare insieme contribuiscono solo per l'1 %.

A livello mondiale, c'è stato uno spostamento anti nucleare con la decisione di abbandono da parte  della Germania, Italia e Svizzera, forse anche il Belgio, che porta l'Agenzia internazionale dell'energia atomica a rivedere verso il basso le sue previsioni per la crescita del settore. In controtendenza sono gli Stati Uniti, Cina e India che ancora hanno in programma di aumentare il numero di reattori.

Alcuni analisti dicono che il governo non ha intenzione di mettersi contro l'opinione pubblica a meno che non decida di ammettere che l'energia nucleare sia assolutamente sicura.


 MondoElettrico è anche su   

.

3 commenti:

Defcon70 ha detto...

Mi raccomando, vogliamo articoli analoghi quando nei prossimi mesi le riaccenderanno una a una

Massimo J. De Carlo ha detto...

L'agonia del nucleare lo hanno scritto i giapponesi, raccontato i quotidiani giapponesi, non MondoElettrico . L'opposizione al nucleare è della popolazione giapponese, i morti sono giapponesi, le disgraziatissime ricadute sono sulle popolazioni giapponesi, la distruzione del territorio è giapponese, la decommissioning di 54 reattori ricadrà sulle finanze giapponesi per secoli. Avremo decenni per scrivere post simili, contro il nucleare.

Defcon1970 ha detto...

Lo sapevo che ti perdevi la notizia...
Due li hanno fatti ripartire, dopo la manutenzione.
http://www.reuters.com/article/2012/05/14/us-japan-nuclear-idUSBRE84D0BW20120514