Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


giovedì 26 marzo 2015

Un tram chiamato desiderio (idrogeno)

Anche i cinesi intraprendono la sperimentazione di veicoli elettrici alimentati da idrogeno con le celle a combustibile. Un tram dalle forme aerodinamiche ma che viaggerà solo a 43 miglia orarie, 70 km/h, al massimo, una frazione rispetto alla velocità di 200 mph (320 km/h) dei treni Shinkansen del Giappone. Il suo primo viaggio lo ha fatto questo mese a Qingdao, in Cina. 
La Cina è soffocata dallo smog per cui è meno importante la velocità di quanto lo siano invece le emissioni di un mezzo di trasporto ed infatti il nuovo tram ha come sua unica emissione l'acqua, vapore acque per essere precisi. Il tram, il primo del suo genere al mondo, funziona con un'alimentazione a idrogeno, con celle a combustibile a bordo. Si rifornisce in soli tre minuti, dopo di che il tram composto da tre carrozze è in grado di trasportare fino a 380 passeggeri per circa 62 miglia (199 km) del percorso.
C'è un problema evidente di fronte al futuro dell'idrogeno in Cina. Attraverso vastità del Paese sono solo circa 83 chilometri di binari del tram, disposti in sole sette città. Eppure, per il produttore statale del tram, Qingdao Sifang Co., c'è motivo di ottimismo. Funzionari cinesi intendono scommettere alla grande sulla tecnologia del tram. I piani prevedono la spesa 200 miliardi di yuan (32 miliardi dollari) nei prossimi cinque anni per aumentare i binari di dieci volte, più di 1.200 chilometri, e per produrre più tram, secondo l'agenzia di stampa statale Xinhua. Sifang produce anche i tram più tradizionali che funzionano collegandosi ai cavi aerei o con le batterie.
Uno dei primi utilizzatori è Foshan, una città di 8 milioni di abitanti nella provincia di Guangdong nel sud della Cina, dove i funzionari affermano di voler realizzazione nuove linee di tram entro la fine dell'anno. Foshan l'anno scorso ha investito 72 milioni dollari in un piano con Sifang per la fabbricazione dei tram locali e insieme le due parti hanno inoltre convenuto di creare un centro nazionale di ricerca sull'idrogeno.
L'impegno di Foshan sull'energia pulita sembra estendersi oltre l'idrogeno. Un rapporto pubblicato dal quotidiano locale, la Gazzetta Foshan, afferma che la città ospita anche la SAIC Motor, il più grande produttore automobilistico della Cina, interessata alla produzione di componenti per auto a celle a combustibile. Un portavoce SAIC ha voluto commentare tale relazione sulla collaborazione riguardo le celle a combustibile sulle vetture affermando che può essere relativamente lontano dalla fruizione. proprio per questo lo scorso anno la società aveva come suo obiettivo quello di avanzare nella produzione di modelli ibridi ed elettrici, lasciando ai veicoli a celle a combustibile solo un programma di ricerca e test.
Finora, la Toyota è l'unica casa automobilistica a voler lanciare una vettura a idrogeno, la berlina Mirai, che dovrebbe essere in vendita negli Stati Uniti entro la fine dell'anno. "L'investimento di Toyota sull'idrogeno supera di gran lunga qualsiasi delle sue controparti cinesi", dice Xu Sichuan, professore alla Scuola di Studi Automotive della Tongji University.
In effetti, la Cina finora "manca una chiara strategia nazionale per lo sviluppo di veicoli a idrogeno", dice Zhang Yongming, un altro professore della Shanghai Jiaotong University, che lo scorso anno ha presentato la sua ricerca sui materiali per le celle a combustibile al premier cinese Li Keqiang. Ora, dice, ci sono innegabili progressi nella commercializzazione della tecnologia.
"Abbiamo pensato che le celle a combustibile sono tutt'altro che pronti alla commercializzazione. Questo è un errore", dice Zhang. "Tram di Sifang punta a una grande prospettiva."

L'idrogeno è il futuro della Cina per i tram?  Staremo a vedere.

Un solo commento da parte nostra. Sono quasi venti anni che sentiamo dire le solite cose con le solite tempistiche: "Ci vogliono 10 anni per rendere matura la tecnologia delle celle a combustibile con l'idrogeno ... e sono passati 20 anni. Tra venti anni sentiremo il solito discorso: 10 anni per la sua maturazione?
La foto e l'articolo è tratto da Bloomberg.com


MondoElettrico è anche su   

.


4 commenti:

Daniele Zanetti ha detto...

Sicuramente le rinnovabili e le nuove fonti energetiche sono il futuro. Vanno precisate due cose importanti. La prima e' che ci vuole un decennio come minimo per rinnovare l'intera mobilità utilizzando queste nuove fonti. Il problema e' che non abbiamo tempo. Il petrolio da scisto sta collassando, non parliamo poi del petrolio da sabbie bituminose. Quindi si tratta di problematiche che ci ritroviamo ora, non fra 5 o 10 anni.
Il secondo punto fondamentale e' che con il petrolio facciamo svariate cose in svariati settori... ( mobilità chimica, agricoltura, industria, energia ecc...) . Insomma con l'idrogeno risolviamo una parte del problema.

Mauro ha detto...

@ Daniele Zannetti
1. Con cosa facciamo l'idrogeno? Con quale rendimento?
2. Quanto costa in termini di peso, ingombro sicurezza, .... Trasportare idrogeno?
3. Da dove si ricava l'idrogeno? Dall'acqua dolce sempre più scarsa o dal gas metano? Dall'acqua di mare dopo averla desalinizzata?
4. Contenere l'atomo più piccolo dell'universo è un po' come lagare il cane con la salsiccia.

Massimo Fiorito ha detto...

Credo che ci vogliano far credere, che l' idrogeno sia meglio dell' elettrico, solamente per poterci tenere legati ai loro affari, l' idrogeno lo DOBBIAMO acquistare, mentre l' energia elettrica la possiamo "fabbricare", in casa con pannelli fotovoltaici, pale eoliche o quant' altro venga inventato in futuro ed acquistare solamente quando ci troviamo lontani da casa. Meditate gente.... meditate.

federico ha detto...

Daniele ahaha..10 anni per rinnovare che cosa? ma se nell'era dell'abbondanza siamo riusciti a sfondare ogni soglia immaginabile d'indebitamento..figuriamoci cosa combineremo con nuove fonti..
tenetevi strette le biciclette..

a me quel che veramente interessa..è vedere una mietitrebbia a idrogeno..il florido inutile settore automobilistico è idiozia