Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 5 luglio 2013

Vado al massimo, Frecciarossa 1000

Qualche giorno fa a Vado Ligure,  nello stabilimento di Bombardier,  è stato presentato il nuovo supertreno di FS Italiane, il  Frecciarossa 1000, alla presenza del presidente e CEO di Bombardier Transportation, Lutz Bertling, il Direttore Generale del sito di Vado Ligure, Luigi Corradi, e il CEO di Bertone Design, Aldo Cingolani., del  presidente della Regione Claudio Burlando e l’AD di FS Italiane Mauro Moretti. Alla fine di agosto il treno più veloce d’Europa, intitolato a Pietro Mennea, inizierà i testi dinamici di omologazione nella tratta tra Vado Ligure e Savona Parco Doria.
Nel comunicato stampa FS leggiamo che il Frecciarossa 1000 è il treno più veloce d’Europa, capace di raggiungere la velocità massima di 400 km/h ed una commerciale di 360 chilometri orari. Grazie ai nuovi sottoattraversamenti ferroviari di Bologna e Firenze, collegherà Roma a Milano in meno di due ore e mezzo. Il Frecciarossa 1000 è il primo treno AV europeo completamente interoperabile che potrà viaggiare su tutte le reti AV di Francia, Germania, Spagna, Austria, Svizzera, Olanda e Belgio superando le limitazione di carattere infrastrutturale, in particolare le differenti alimentazioni elettriche ed i diversi tipi di segnalamento.
Dispone inoltre del sistema per la circolazione ERTMS, che garantisce il più alto livello di tecnologia e sicurezza disponibile, eliminando la possibilità dell'errore umano e assicurando il controllo della marcia del treno istante per istante. Il Frecciarossa 1000 di Bombardier e AnsaldoBreda è anche il treno più silenzioso e a più basso impatto ambientale mai realizzato in serie in Europa: grazie al design aerodinamico e alle soluzioni d'avanguardia adottate è possibile la riduzione sia dei consumi energetici che dei rumori.
Le leghe ultraleggere utilizzate per la realizzazione dei convogli, invece, consentono, al termine del ciclo di vita dei convogli, il recupero dei materiali senza alcun impatto per l'ambiente: l’85% dei materiali utilizzati è infatti riciclabile, mentre la percentuale dei materiali rinnovabili è addirittura del 95%.


Molto bene, ma un po' d'attenzione quando passano i treni locali dei pendolari ...

Si stacca porta del treno colpisce pendolare alla testa.



MondoElettrico è anche su   

.

4 commenti:

autostop ha detto...

bellissimo, ma di cosa parliamo? del sesso degli angeli? peccato che la quasi totalità degli spostamenti degli italiani è di circa 30 km al giorno, divisi in tre viaggi quaotidiani di andata e ritorno sui 5 km (da sondaggio che ho trovato in rete).
Dato che la stragrande maggioranza degli italiani vive in città, si tratta di spostamenti cittadini.
Non nego l'utilità di questi mezzi ma sono relegati a poche persone per pochi viaggi.
Evviva il progresso! Poi mi trovo imbottigliato tutti i giorni sul bus ad una velocità (da porta di casa a porta d'ufficio), che se fosse superiore ai 10 km all'ora farei i salti di gioia!

roberto ha detto...

il problema dell'alta velocita e' il costo. e fantistico pensare di viaggiare in poche ore ma a che prezzo? se quei biglietti non puoi pagarli cosa ci fai con un frecciarossa? roma milano 86 euro . vai e torni con famiglia di 4 persone 86*2*4=688 se lo fai due volte in un mese hai esaurito lo stipendio. e' insostenibile economicamente quindi questa robba probabilmente verra' spazzata via dalla crisi. questa robba fara' la fine delle mense ufficiali nelle caserme italiane. fregano alla mensa truppa per tenerle in piedi.

ijk ha detto...

Roba da supermanager e parlamentari. Loro li progettano e li avallano e loro li usano. Noi li paghiamo.

ijk ha detto...

Che differenza c'è fra materiali recuperabili e materiali rinnovabili? Non si capisce...