Veicoli elettrici - mobilità - tecnologie - ambiente - energia rinnovabile. L'esaurimento delle risorse e le conseguenti ripercussioni politiche ed economiche rendono necessario ridurre la dipendenza dall'importazione di prodotti petroliferi e spingere quindi verso lo sviluppo di fonti energetiche alternative. I veicoli elettrici possono utilizzare tecnologie e risorse nel modo più efficiente.


venerdì 16 ottobre 2009

Litio, litio e litio. Salar de Atacama, Cile

Salar de Atacama, Cile.

Una parte importante delle riserve dell'ambito minerale, un must per settori così diversi come i prodotti farmaceutici e le auto, è situato nel nord del Cile. Julio Ponce Lerou, genero Pinochet (*) , è il dominatore del territorio quasi desertico dove si trova un immenso giacimento di litio, Salar de Atacama.

Dei dieci milioni di tonnellate di riserve di litio del pianeta, circa nove milioni si trovano in Bolivia, Argentina e Cile.

Il prezzo per tonnellata è salito 238% dal 1998.

Nel 2008, secondo U. S. Geological Survey, 27.400 tonnellate sono state prodotte a livello mondiale il 6,2% in più rispetto al 2007. Il suo sviluppo non ha alcun limite: la domanda continua a crescere ad un tasso di circa il 7% annuo.

Il litio è utilizzato anche nei reattori atomici per produrre il trizio, un elemento che non esiste in natura e che agisce come combustibile per la fusione nucleare.

L'industria automobilistica, di fronte al collasso economico e alla fine dei combustibili fossili, ha migliorato notevolmente i suoi prototipi elettrici e si appresta a introdurre massicciamente veicoli elettrici a partire dal prossimo anno nella maggior parte delle nazioni sviluppate.

"Il potenziale di questo minerale è strettamente legata alla tecnologia automobilistica. Negli ultimi mesi è stata indebolita dalla recessione globale che ha colpito duro la produzione automobilistica, ma ha un grande futuro ", ha detto Carla Araya, analista Euroamerica.
Le più importanti società automotive hanno ricolto gli occhi verso il triangolo geografico formato dai laghi salati cileni di Atacama, Uyuni e il Coiposa in Bolivia e Dead Men in Argentina.

E' in questa regione andina che si tracciano le vie futuro dell'umanità.

Il re del litio.
Julio Ponce Lerou, genero di Augusto Pinochet, non ha nulla da invidiare a John Thomas North, il re del salnitro del XIX secolo. Ponce Lerou domina dal Cile il mercato mondiale del litio attraverso la SQM (Sociedad Química y Minera de Chile), una società nata dalla privatizzazione della Soquimich e dall’alleanza con l’asiatica Kowa.

Grazie a sovvenzioni ottenute nel 1992, la società che estrae il litio dal Salar de Atacama, ha grandi vantaggi per i costi contenuti di estrazione rispetto ai concorrenti grazie alle ottimali condizioni naturali. Il litio della Bolivia è contenuto nelle soluzioni di salamoia in quantità notevolmente inferiori a quelli del Salar de Atacama e con alto tenore di magnesio, che complica la produzione di litio rendendolo più costoso.

Si stima che nel 2015, il 10% delle auto nuove trarranno energia accumulata nelle batterie al litio. Tale percentuale salirà al 20% nel 2020 il che comporterà un aumento della domanda di carbonato di litio da 93 mila tonnellate di oggi a 160 mila in cinque anni.

Spiega Carla Araya di Euroamerica: "La produzione annuale di litio è aumentato da 30.000 a 40.000 tonnellate. Tale aumento, che ora è in stand by a causa per la riduzione della domanda a causa della recessione mondiale, è disponibile velocemente in qualsiasi momento dovesse rendersi necessario realizzare batterie in quantità secondo le esigenze ".
La società Soquimich (SOCIEDAD QUIMICA Y MINERA DE CHILE ) è stata privatizzata al 99,99% da CORFO (Chilean Economic Development Agency ) tra il 1983 e il 1988. Julio Ponce è passato da un'agenzia esecutiva dello Stato cileno a presidente della società attraverso operazioni controverse in un processo che non è ancora del tutto chiaro.

SQM ha la concessione del Salar de Atacama fino al 2030. Inoltre, secondo la legge n. 16.319, la società ha un accordo con la Commissione cilena per l'energia nucleare per quanto riguarda lo sfruttamento e la vendita del sale di litio. L'accordo fissa le quote di litio provenienti da Salar de Atacama che sono autorizzati a vendere ogni anno.

Si pone quindi una revisione delle concessioni.

Il litio è un elemento strategico per il futuro e quindi sotto questa luce, diversi deputati cileni sono preoccupati per la concentrazione che esiste nella proprietà dei minerali. Tuttavia, altri sostengono che lo Stato non può intervenire in un settore che oggi è, a suo avviso, legittimamente in mani private. Da altre parti ancora si spinge invece perché lo Stato torni a riprendere il controllo del litio poiché è chiaro che il futuro è basato su questa fondamentale risorsa in tutto il mondo, in particolare nelle nuove tecnologie e nel settore nucleare.


Fonte: laNacion.cl

(*) Augusto José Ramón Pinochet Ugarte 1915 –2006 fu generale dell'esercito cileno. A seguito di un golpe militare governò il Paese da dittatore dall'11 settembre 1973 all'11 marzo 1990.

Leggere anche - qui -
.

2 commenti:

raimondo ha detto...

Ho una domanda che riguarda il litio.
Le maggiori riserve mondiali sono in Cile e Bolivia in bacini chiamati salar.
Sapete se le enormi formazioni bianche che si vedono in google-earth in Namibia del nord e in Botswana sono analoghe a quelle andine? All'apparenza ci sono migliaia di Km2 di distese di sale.

Massimo De Carlo ha detto...

Mi risulta che l'Africa detenga il 3% delle riserve mondiali di cui solo il 5 % sono nello Zimbabwe e il 95% nella Repubblica del Congo. Non si hanno dati ufficiali, quindi, su possibili riserve in Namibia del nord e Botswana.